Tipologie di codice a barre. Scegliere la più adatta

tipi barcode

Tipologie di codice a barre. Scegliere la più adatta

Ci sono 13 principali tipi di codici a barre, divisi fra monodimensionali e bidimensionali:

 

UNIDIMENSIONALI (1D)

Codici a barre che rappresentano sistematicamente i dati, variando lunghezze e spaziature fra linee parallele, possono essere chiamati anche lineari o unidimensionali (includono codici UPC ed EAN)

UPC

Sono molto usati per etichettare i beni di consumo nei punti vendita (soprattutto Stati Uniti, UK, Australia, Nuova Zelanda ed altri paesi). Si divide in UPC-A: che codifica 12 cifre numeriche, e UPC-E che ne codifica solo 6.

CODICE A BARRE EAN

Sono utilizzati per etichettare beni di consumo in tutto il mondo per la scansione dei prodotti all’interno dei punti vendita (usato principalmente in Europa). Molto simili ai codici UPC, la principale differenza è la loro applicazione, l’EAN-13 (a 13 cifre) è il codice utilizzato di default, mentre 8-EAN (a 8 cifre) viene utilizzato sui prodotti in cui lo spazio per applicare l’etichetta è limitato (ad esempio su una penna, un pacchetto di caramelle ecc.)

CODICE 39

Il codice 39 è usato molto spesso per etichettare prodotti nel settore automobilistico e per il Dipartimento della Difesa statunitense. Consente l’utilizzo di cifre e caratteri. Inizialmente poteva codificare solo 39 caratteri, recentemente invece è stato aumentato a 43. Simile al codice 128.

CODICE 128

Si tratta di codici compatti, utilizzati nella logistica e nelle industrie di trasporti e per la distribuzione. Sono in grado di memorizzare informazioni diversificate perché supportano qualsiasi carattere ASCII 128.

ITF

Codice a barre utilizzato per etichettare materiali da imballaggio in tutto il mondo. Sono adatti anche per la stampa su cartone ondulato. Codificano 14 cifre numeriche e possono utilizzare il set ASCII completo.

CODICE 93

Questo codice a barre viene utilizzato nella logistica per identificare i prodotti nell’inventario della vendita al dettaglio, etichettare componenti elettronici e fornire informazioni supplementari sulla consegna. Supporta qualsiasi carattere ASCII, ma rispetto al codice 39, consente una maggiore sicurezza nella lettura delle informazioni. Le sue dimensioni compatte rendono le etichette il 25% più piccole di quelle stampate con il codice 39.

CODABAR

Sono utilizzati per la logistica e dagli operatori sanitari (ad esempio nelle banche del sangue statunitensi, nelle librerie, ecc.). Il vantaggio principale del Codabar è che è semplice da stampare, può essere stampato sia da una qualsiasi stampante che da una macchina da scrivere. Chiunque può quindi stamparlo, anche senza l’uso del computer. È stato progettato per essere particolarmente leggibile, codifica fino a 16 caratteri più 4 (start/stop).

GS1 DATABAR

Vengono utilizzati dai punti vendita per identificare prodotti di piccole dimensioni. Questo tipo di codice a barre è stato introdotto nel 2001 (molto utilizzato negli Stati Uniti).

MSI PLESSEY

Utilizzato per la gestione delle scorte nella vendita al dettaglio (ad esempio nei supermercati).

CODICI A BARRE BIDIMENSIONALI (2D)

Vengono utilizzati per rappresentare dati in modo sistematico, utilizzando simboli e forme bidimensionali. Sono simili ai codici a barre lineari, ma possono contenere molte più informazioni. Includono tipi di codice a barre recenti come i codici QR e PDF417.

CODICI QR

Fanno parte dei codici 2D. Molto utilizzati nella pubblicità, su riviste e biglietti da visita. Flessibili nelle dimensioni, con alta tolleranza all’errore e di veloce leggibilità. Non possono essere letti con uno scanner laser. Supportano quattro tipologie di dati: numerici, alfanumerici, byte/sistema binario, e Kanji. Nati in Giappone e sempre più utilizzati, sono di dominio pubblico e gratuiti.

CODICE DATAMATRIX

I codici Datamatrix sono codici a barre 2D utilizzati per etichettare piccoli oggetti, beni e documenti. Il loro ingombro ridotto li rende ideali per i piccoli prodotti logistici e operativi. Simili a codici QR, hanno elevata tolleranza all’errore e sono velocemente leggibili.

PDF417

Sono codici a barre 2D utilizzati in applicazioni che richiedono la memorizzazione di grandi quantità di dati, come fotografie, impronte digitali, firme, testo, numeri e grafica. Possono contenere più di 1,1 kilobyte di dati, cosa che li rende molto più potenti di altri codici a barre 2D. Come i codici QR, codici a barre PDF417 sono di dominio pubblico e gratuiti.

AZTEC

Codici a barre 2D utilizzati dal settore dei trasporti, in particolare per i biglietti e le carte d’imbarco delle compagnie aeree. Possono essere decodificati anche se stampati con una cattiva risoluzione, cosa utile sia quando i biglietti sono stampati male sia quando sono letti sul telefono. Possono occupare meno spazio di altri codici a barre a matrice, perché non richiedono uno “spazio bianco attorno” a differenza di altri tipi di codici a barre 2D.

Tipologie di barcode e QR code, tipo, settore d'utilizzo e variazioni

Queste sono alcune informazioni che possono essere utili per scegliere quale tipologia di codice a barre utilizzare.

È utile quindi porsi alcune domande come ad esempio:

» La scansione del codice avverrà in un punto vendita?

I codici più adatti sono: UPC, EAN

» Deve contenere caratteri alfanumerici?

I codici più adatti sono: Codice 39, Codice 128, e Codice QR

» Quanto spazio è disponibile sulla confezione del prodotto?

I codici EAN8, UPC-E, Codice128 e Datamatrix possono essere stampati in dimensioni ridotte

» Su quale materiale sarà stampato il codice a barre?

Il codice ITF è l’ideale per la stampa di codici a barre su cartone ondulato

» Quale tipo di codice a barre supporta la maggior quantità di dati?

I Codici PDF417 sono l’ideale per la memorizzazione di grandi quantità di dati

 



Questo sito fa uso di cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e raccogliere dati sull'uso del sito web. Proseguendo nella navigazione del sito web si accetta l'uso dei cookie. Per maggiori info consulta la nostra Cookie policy